martedì 6 luglio 2021

The 5G Dragnet (La gabbia del 5G) - Documentario di James Corbett

Le società di telecomunicazioni si sono lanciate nell’implementazione della tecnologia cellulare di quinta generazione. Ma il mondo del 5G è un mondo dove tutti gli oggetti sono connessi tra loro e continuamente scambiano dati. L’oscura verità è che lo sviluppo di reti 5G e la moltitudine di prodotti connessi che vedremo nascere nelle infrastrutture delle città smart globali rappresentano la più grande minaccia alla libertà della storia umana. Un documentario del giornalista James Corbett (2019), tradotto e doppiato da Giulio Bona per Comedonchisciotte.org.

martedì 15 giugno 2021

Mount Recyclemore

Queste gigantesche statue sono fatte di rifiuti elettronici per sensibilizzare il G7 sul problema. L’artista britannico Joe Rush e lo scultore Alex Wreckage hanno creato una gigantesca scultura coi rifiuti elettronici a somiglianza del Mount Rushmore su una collina a Hayle, in Cornovaglia, Inghilterra, in occasione del G7 per evidenziare la crescente minaccia dei rifiuti elettronici nel mondo.

Mentre si svolgeva il G7 in Cornovaglia, Inghilterra, l'artista britannico Joe Rush e lo scultore Alex Wreckage hanno realizzato l'enorme scultura, denominata Mount Recyclemore, che replica la più nota Mount Rushmore con le teste dei Presidenti americani ma rappresentati come una grande montagna di spazzatura elettronica. L'opera è stata creata infatti per porre l'attenzione sulla crescente minaccia dei rifiuti elettronici sul Pianeta mentre i leader delle economie più avanzate del mondo si preparano a discutere su come affrontare il cambiamento climatico e costruire un futuro migliore.

Mount Recyclemore è stata realizzata su una spiaggia vicino a Carbis Bay, in Cornovaglia, utilizzando interamente componenti elettronici dismessi. Solo nel Regno Unito vengono prodotti infatti 23,9 kg pro capite all'anno di rifiuti elettronici ed è il secondo valore più alto pro capite al mondo. La gigantesca opera raffigura alcuni leader mondiali tra cui il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente americano Joe Biden e il cancelliere tedesco Angela Merkel. L'artista e fondatore della Mutoid Waste Company, Joe Rush, e lo scultore Alex Wreckage hanno collaborato col negozio online di elettronica e intrattenimento di seconda mano musicMagpie per la creazione di Mount Recyclemore.

Secondo una ricerca degli artisti, le nazioni che partecipano al G7 sono anche i maggiori produttori di rifiuti elettronici che ammontano a 15,9 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all'anno in tutto il mondo e solo gli Stati Uniti producono 6,9 milioni di rifiuti, il Giappone ne genera 2,6 milioni, la Germania 1,6 milioni e il Regno Unito 1.6milioni. Secondo le Nazioni Unite, gli attuali 53 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici generati ogni anno in tutto il mondo raddoppieranno entro il 2050, diventando il flusso di rifiuti in più rapida crescita al mondo. Ecco perché Mount Recyclemore ha visto la luce proprio durante l'importante summit politico che si sta svolgendo in questi giorni in Cornovaglia, nella speranza di sensibilizzare il leader del mondo e l'opinione pubblica su un problema urgente per la tutela del nostro Pianeta.

Fonte: https://design.fanpage.it/mount-recyclemore-gigantesche-statue-vogliono-sensibilizzare-sul-problema-mondiale-dei-rifiuti-elettronici/
https://design.fanpage.it/

mercoledì 21 aprile 2021

Texas, incidente mortale su una Tesla: morti i passeggeri, nessuno era alla guida

Era in funzione l'Autopilot che, secondo le indicazioni della casa automobilistica, deve essere usato sempre come ausilio del conducente e mai senza intervento umano 

Tesla, incidente mortale in Texas: si sospetta fosse in funzione  l'Autopilot - Automoto.it

20 aprile 2021 
Gravissimo incidente in Texas dove un’auto elettrica Tesla, che al momento era senza nessuno al volante, si è schiantata contro un albero prendendo fuoco. I due passeggeri, uno di 69 e uno di 59 anni, sono morti. Le indagini sono in corso. La ModelS del 2019 viaggiava a "velocità sostenuta" intorno alle 23.15 di sabato sera quando è finita fuori strada a 50 chilometri anord di Houston, in Texas, ha riferito la polizia. I due passeggeri avevano salutato pochi minuti prima le loro mogli ed erano saliti sulla vettura parlando dell'Autopilot, l'innovativa tecnologia di Tesla che consentirà in futuro una guida completamente autonoma ma che ora è limitata solo a un'assistenza al guidatore. E proprio l'Autopilot sarebbe stata in funzione al momento dell'incidente. Da tempo la tecnologia è nel mirino delle critiche e delle autorità americane, impegnate già a indagare su altri incidenti fatali in cui era in funzione. Dalle critiche il colosso di Elon Musk si è sempre difeso a spada tratta rimandando anche alla documentazione allegata alle sue vetture, in cui si spiega chiaramente che il guidatore deve essere sempre con le mani sul volante e attento quando l'Autopilot è in funzione perché la tecnologia serve per sterzare, accelerare e frenare automaticamente nella corsia occupata dall'auto ma "non rende la vettura autonoma". Proprio nei giorni scorsi Musk ha postato su Twitter il 'safety report' di Tesla, osservando come quando l'Autopilot è in funzione le chance di incidente sono quasi il 10% più basse. Oltre alla polizia locale a indagare sull'incidente è anche l'autorità per la sicurezza stradale federale, la Nationa lHighway Transportation Safety Administration, che ha già inviato una sua squadra di investigatori sul luogo per raccogliere prove e intrecciarle con quelle di alcuni incidenti degli anni scorsi per verificarne similarità. Il caso del Texas riaccende anche il dibattito sulle batterie delle auto elettriche. Gli agenti accorsi sul posto sabato sera insieme ai pompieri hanno impiegato quattro ore per spegnere l'incendio della vettura quando solitamente per fiamme di quelle dimensioni ci vogliono pochi minuti. Nel 2020 le autorità americane hanno messo in guardia sui rischi alla sicurezza che le batterie elettriche rappresentano per i pompieri o chi interviene in caso di emergenza. A pagare caro il prezzo dell'incidente sono i titoli Tesla a Wall Street dove, in una seduta negativa per i listini americani, perdono oltre il 4%.
 
Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Texas-incidente-su-una-Tesla-senza-conducente-due-morti-464e13ee-573a-4aa3-a219-4902f39febe3.html

venerdì 26 marzo 2021

Pronti a diventare “risorse digitali” del Great Reset?

 This Moment Calls For The Great Reset

Pochi ne sono consapevoli, ma la digitalizzazione della razza umana sta avanzando ad una velocità vertiginosa.

Il mondo sta percorrendo un sentiero che è stato disseminato di mine come controllo e sorveglianza. E tuttavia quasi nessun politico occidentale, di qualsiasi partito, sembra abbastanza preoccupato da parlare dell’impatto che questo avrà sulla privacy personale. Se sei curioso di sapere cosa riserva il prossimo futuro, ascolta i tecnocrati come Bill Gates.

Un anno fa, nel marzo 2020, mentre i governi stavano chiudendo le loro economie citando un misterioso virus, Gates ha fatto una serie di interviste ai media chiedendo un “certificato digitale” globalizzato per ogni essere umano sul pianeta. Ha detto che questo era l’unico modo per stare al passo con chi ha il virus e chi è stato vaccinato. Si noti che non si sapeva che nessun vaccino fosse in cantiere nel marzo 2020, ma Gates ha parlato del vaccino come se fosse proprio dietro l’angolo. Lo sapeva...

Stanno usando l’”opportunità”, presentata dalla pandemia, afferma il direttore del WEF Klaus Schwab, per trasformare l’assistenza sanitaria, le banche, la produzione industriale, i sistemi di produzione e consumo di energia, l’uso globale del suolo, persino il modo in cui socializziamo insieme come esseri umani.

Schwab ha commentato che nessun settore sarà esente dal Great Reset. E le Nazioni Unite affermano nella loro Agenda 2030 che nessuno sarà “lasciato indietro” da questo sistema globale in arrivo.

Dal momento che non si è svolta alcuna votazione e nessuno di noi è stato chiesto se volevamo aderire al Great Reset/Agenda 2030 , questo pone la domanda: cosa sarà fatto con i dissidenti che si rifiutano di accettare questa visione per il mondo? La risposta è nascosta nel futuro sistema cashless (senza contanti)...

Leggi tutto l'articolo di Leo Hohmann qui https://liberopensare.com/pronti-a-diventare-risorse-digitali-del-great-reset/

martedì 23 marzo 2021

Facebook e il bracciale che legge i pensieri: benvenuti nella Matrix


dal blog Libero di pensare -

Procede senza ostacoli la marcia trionfale del transumanesimo, vale a dire la dissoluzione dell’umanità per come la conosciamo. 
Facebook ha prodotto un braccialetto che ti permette di controllare i computer con il tuo cervello.
Vale a dire un braccialetto in grado di tradurre i segnali motori che partono dal cervello in modo da poter interagire con un dispositivo digitale semplicemente pensandoci.
L’acquisizione da parte di Facebook della Ctrl-Labs è stata la quarta più costosa della storia dell’azienda di Menlo Park dopo quelle di Whatsapp, Instagram e Oculus.
L’obiettivo dichiarato di Ctrl-Labs era quello di tradurre i pensieri e le conseguenti azioni volitive in un segnale trasferibile ad un computer senza alcun contatto, digitalizzando il movimento anche quando il movimento non c’è...

Insomma, di comandare una macchina (computer) con il pensiero, nella più autentica tradizione transumanista.

Tuttavia neanche la realizzazione di questo bracciale questo è l’obiettivo finale, in quanto c’è ancora bisogno di un dispositivo intermedio tra noi ed il computer.

L’obiettivo finale è invece, quello di collegare mente e macchina senza intermediari...

Non dimentichiamo che Facebook fa profitti grazie alle informazioni personali e un dispositivo che porta a comunicargli non solo i nostri dati ma anche le nostre intenzioni è qualcosa di assolutamente pericoloso. Non solo perché in questo modo il sistema ci porterà ad essere sempre più dipendenti da lui ma cambierà addirittura la direzione del vettore uomo-macchina; l’intenzionalità dell’azione non partirà più dall’uomo ma dal condizionamento che la macchina eserciterà, defraudando il soggetto dei sui residui spazi di libertà ed autonomia. 

Un incubo cui i romanzi ed i film di fantascienza ci hanno abituati da anni.
Un uomo ormai svuotato della sua individualità, sempre maggiormente vittima degli impulsi – chiamati al momento ingenuamente ‘suggerimenti’ o ‘soluzioni su misura’ – di cui è semplice antenna ricevente...

Ma sappiamo per esperienza che la tecnologia priva dell’elemento morale diviene un elemento distruttivo da cui è difficile non venir sopraffatti – come ben ci mostra la storia che parte dalla liberazione delle forze sub-umane dell’atomo...

Forse, ma come esageravano quegli scienziati che preferirono perdere il lavoro piuttosto che partecipare con le loro ricerche alla costruzione dell’atomica. 

Anche allora la ricerca veniva giustificata come necessaria e indispensabile per sconfiggere il nazismo, ma poi abbiamo visto come siano stati sacrificati centinaia di migliaia di esseri umani senza nessuna reale necessità bellica con le bombe lanciate su Hiroshima e Nagasaki.

Tutto l'articolo qui:  https://liberopensare.com/facebook-e-il-bracciale-che-legge-i-pensieri-benvenuti-nella-matrix/

martedì 2 marzo 2021

Elon Musk, chip nel cervello di una scimmia e non solo

Nessun ritegno per l'uomo più ricco del mondo ha utilizzato un animale per nuove ricerche con la Neuralink, la sua start up che studia l'interfaccia neurale. Questi fanno sul serio! 😱

 Elon Musk, chip nel cervello di una scimmia: "Ecco cosa farà ora"

ROMA - Elon Musk ha impiantato un chip nel cervello di una scimmia per consentirle di giocare ai videogiochi. Si tratta dell'ultimo esperimento della start up Neuralink, nata con lo scopo di volere utilizzare la tecnologia per sostituire funzioni cerebrali compromesse da traumi o malattie neurodegenerative. “Abbiamo una scimmia con un impianto wireless nel cranio con piccoli cavi che può giocare ai videogiochi con la sua mente. Non può vedere dove si trova l’impianto. È una scimmia felice. Abbiamo le strutture per scimmie migliori del mondo. Vogliamo che giochino a mind-pong”, ha fatto sapere Musk, l'uomo più ricco al mondo. L'imprenditore ha assicurato di aver seguito tutte le regolamentazioni vigenti per la sperimentazione senza nuocere alla salute degli animali.

La scimmia di Elon Musk può giocare ai videogiochi

L’obiettivo della startup Neuralink è quello di arrivare a curare danni al cervello o alla spina dorsale facendo recuperare capacità perse con l’impianto di chip di dimensioni assai ridotte. Elon Musk ha detto: “Esiste una versione primitiva di questa device con piccoli cavi che escono dalla testa ma è come avere un Fitbit nel cranio con fili che arrivano al cervello”. Il patron di Tesla non ha dunque escluso l'utilizzo di questa tecnologia anche per fare il backup della memoria di un essere umano morente, in modo da poter trasferire i suoi ricordi su un nuovo corpo umano o su un corpo meccanico.

Fonte: corrieredellosport

Il chip nel cervello di Elon Musk

Con il Neuralink si potranno controllare emozioni e umori e determinare gli stati d'animo

Musk ha spiegato che Neuralink sarà in grado di regolare l'umore delle persone in cui è impiantato grazie al bilanciamento degli ormoni presenti nell'ipotalamo.

Tale regolazione avverrebbe tramite l'emissione di «onde a frequenza e ampiezza superiori a quelle generate naturalmente» dal chip impiantato nel cervello.

Accanto alla possibilità di restituire la libertà di movimento alle persone con lesioni al midollo spinale, com'era nei piani originari di questa tecnologia, ora appare anche la regolazione degli umori, che potrebbe trovare un'applicazione per l'alleviamento degli stati ansiosi o depressivi, ma anche semplicemente per gestire lo stress o la tensione emotiva.

Affinché tutto ciò sia possibile, i ricercatori di Musk stanno elaborando degli algoritmi di intelligenza artificiale in grado di imparare dai segnali ricevuti dal cervello, così che Neuralink possa effettuare il proprio lavoro di regolazione.

L'impianto prevede anche la presenza di una connessione tramite cavo Usb Tipo-C per il collegamento al computer, al fine di operare sul chip (per gli aggiornamenti e l'impostazione dei parametri) ma anche per scaricare la mole di dati acquisiti.

Fonte: zeusnews

martedì 9 febbraio 2021

Lo smartphone nello smartcervello

Fonte: http://kelebeklerblog.com   Posted on by Miguel Martinez 

Mi sembra una delle notizie più significative dell’anno, ma l’ho trovata per caso.

La rivista Nature Communications (alzi la mano chi la segue regolarmente) ha pubblicato un articolo dal titolo Soft subdermal implant capable of wireless battery charging and programmable controls for applications in optogenetics, ma è quasi perfettamente comprensibile a un profano.

L’articolo è scritto da undici coreani e un iraniano. che però è un americano.

I tecnoscienziati prendono questo aggeggio, detto wireless optoelectronic system:

E lo ficcano abilmente dentro il cervello di un topo, con dei Led che sbucano fuori dal cranio:

La didascalia recita:

Illustrazione concettuale di un sistema di sonda optoelettronico senza filo impiantato in maniera sottocutanea nella testa di un roditore per permettere il cotrollo di circuiti neuronali nelle parte profonda del cervello”.

Sembra un po’ grosso, ma la Prima Legge di Moore constata che

«La complessità di un microcircuito, misurata ad esempio tramite il numero di transistor per chip, raddoppia ogni 18 mesi (e quadruplica quindi ogni 3 anni).»

Quindi tra diciotto mesi, o il chip misurerà la metà, o potrà fare il doppio del lavoro.

Perché hanno ficcato l’aggeggio dentro il cervello del topo?

“L’optogenetica è una potente tecnica che permette la manipolazione spaziotemporale mirata [target-specific] dell’attività neuronale per la dissezione di circuiti neuronali e interventi terapeutici”.

Finora, gli studiosi si lamentano, c’era stato il problema di come ricaricare questi aggeggi, perché bisognava prendere i topi, legarli e attaccarli alla presa per il tempo necessario.

Adesso invece “basta uno smartphone” e si possono telecomandare i cervelli di più topi alla volta:

Ora, conosco molte persone che sono contente che si faccia tutto il possibile ai topi, comunque gli studiosi dicono chiaramente che il vero obiettivo è un altro:

“Il sistema optoelettronico pienamente impiantabile, ricaricabile senza fili e morbido che proponiamo qui può offrire nuove opportunità per permettere l’optogenetica nel cervello umano per applicazioni terapeutiche.”

Applicazioni terapeutiche?

Vediamo un esempio pratico, cioè quello utilizzato dai tecnoscienziati per testare l’efficacia del Cervello Smart 2.0.

Innanzitutto gli sperimentatori si rivolgono al loro spacciatore di fiducia, tale Belgopia, che produce e smercia a Louvain-la-Neuve nel lontano Belgio (ma il globomondo è piccolo), e acquistano cocaina idrocloruro.

“Poi ai topi fu somministrata, o soluzione salina o cocaina, con o senza stimolazione ottica, e le loro attività motorie sono state misurate per 60 min. I dispositivi optoelettronici impiantati sono stati accoppiati a uno smartphone tramite Bluetooth e manovrati utilizzando un’app personalizzata per smartphone.”

La mano umana accende i Led:

Merita un’occhiata questo video di ciò che chiamano un freely moving rat, che ha più o meno lo stesso spazio di manovra di uno studente oggi mentre fa la Didattica a Distanza durante il Lockdown:

Per ora, sembra che la ricerca si limiti allo studio dei cervelli (successivamente sezionati), non ancora al controllo delle loro azioni.

La parte divertente arriverà quando si passerà dalla ricerca dati all’interattività.

Sarà il vero futuro della Customer Experience.

This entry was posted in ambiente, ciberdominio, Nanomondo and tagged , ,